Quando i Comuni sono virtuosi



Esempi concreti di buona amministrazione

Ci si lamenta spesso, e molte volte a ragione, di come viene gestita male la “cosa pubblica”.
Esistono però alcune esperienze positive, che meritano di essere raccontate, soprattutto perché costituiscono un buon esempio da seguire. É il caso dei Comuni Virtuosi, un’associazione fondata da quattro Comuni nel 2005 – Monsano (AN), Colorno (PR), Melpignano (LE) e Vezzano Ligure (SP) – e che adesso ne conta ben venticinque. Perché vale la pena di scrivere di questa associazione? Perché ha ottenuto risultati concreti sulla base di alcuni semplici, ma ambiziosi, obiettivi.

Obiettivi

Ridurre i consumi energetici incentivando l’utilizzo della bioarchitettura, delle tecnologie dolci e del risparmio energetico. Governare in modo consapevole il territorio, introducendo negli strumenti urbanistici comunali norme di contenimento del consumo di suolo ed efficienza energetica.
Ridurre la produzione dei rifiuti
attraverso progettualità concrete ed efficaci e introdurre la raccolta differenziata porta a porta spinta.
Promuovere la diffusione di mezzi ecologici per una mobilità realmente sostenibile e gestire correttamente il territorio evitando il più possiibile spostamenti motorizzati superflui. Promuovere, incentivare e sostenere nuovi stili di vita nelle comunità amministrate, attraverso progettualità partecipate finalizzate alla riduzione dell’impronta ecologica di un territorio.

I primi risultati

Carugate, primo paese in Italia a richiedere obbligatoriamente la certificazione ambientale – che a breve diventerà obbligatoria – per chiunque voglia costruire o ristrutturare un immobile.

I Comuni di Capannori (LU) e Montebelluna (TV), che sono arrivati all’ 80% di raccolta differenziata attraverso il sistema porta a porta.

Cassinetta di Lugagnano (MI) che si è dotata di un piano urbanistico a crescita zero.

Il Comune di Follonica che con il progetto Ecoscambio spinge i cittadini a scambiarsi i beni che non usano più ma ancora in buone condizioni ed ha eliminato gli imballaggi dalle mense scolastiche.

Castellarano (RE), che ha attivato un progetto per linstallazione, da parte dei privati, di pannelli solari per il riscaldamento ad acqua, fornendo ai soggetti interessati informazioni sugli installatori convenzionati e indicazioni su come accedere a finanziamenti agevolati da parte dell’istituto di credito coinvolto dal Comune nel progetto.

Trezzano Rosa (MI), prima esperienza pilota sul territorio nazionale di intervento di  risparmio energetico nel campo della pubblica illuminazione. Colorno (PR) e gli acquisti verdi della pubblica amministrazione.

Lo sportello Filiera Corta di Ascoli Piceno.

Tutti questi progetti sono stati poi condivisi sul web (comunivirtuosi.org), in modo da renderli replicabili da parte di chiunque. È così possibile accedere a tutte le informazioni e alla documentazione necessaria (delibere, capitolati d’appalto, regolamenti), solitamente abbastanza difficili da reperire. Un passo importante per delineare a livello nazionale una strategia ambientale complessiva e coerente, visto che spesso Comuni all’avanguardia rispetto a singole tematiche peccano poi per tutta un’altra serie di questioni legate all’ambiente.