Timido debutto in Romagna per i mercati del contadino

farmersmarketharvestisin-vi
Un farmer’s market per ogni Comune”.

Ad un anno di distanza la meta è ancora lontana, nonostante l’obbiettivo che si era posta Coldiretti per il 2008, ma la percezione è che in Romagna qualcosa si stia muovendo. Ma cosa sono esattamente i farmer’s market?

In italiano sono “i mercati del contadino”, o più tecnicamente mercati agricoli cittadini. Istituiti nel 2008 da un decreto dell’ex Ministro dell’Agricoltura De Castro, sono ora attuabili attraverso l’emanazione di regolamenti comunali.

Nei farmer’s market le imprese agricole possono vendere i loro prodotti, purché locali. Nel nostro caso provenienti dalla regione Emilia-Romagna.

Si favorisce così la stagionalità, la freschezza e si accorcia la filiera, facendo guadagnare di più al produttore e valorizzando le tasche del consumatore. Ma nonsolo. Grazie ai mercati del contadino si riduce l’inquinamento e l’impatto ambientale.
Un recente studio, infatti, sostiene che “una famiglia che consumi prodotti locali e di stagione e che faccia attenzione agli imballaggi può risparmiare fino a 1.000 chili di CO2 l’anno”. Mangiare locale è, quindi, un valore aggiunto. Ma i nostri Comuni si sono dimostrati sensibili al tema degli alimenti a Km0? I ravennati di Alfonsine e Russi decisamente “sì”.

Ancora ai blocchi di partenza, invece, Cesena, Castrocaro e Forlì, dove il rapporto diretto consumatore-produttore è appena partito. Maglia nera, poi, per tutti i Comuni del Riminese, dove ancora i progetti di mercati agricoli rimangono sospesi. Si vocifera, però, che i Comuni di Santarcangelo, Riccione e San Giovanni in Marignano si stiano attivando per avviare i farmer’s market, ma l’iniziativa vera e propria non è ancora partita. E così, mentre in realtà a noi vicine come il Veneto, già le associazioni di categoria si muovono per creare circuiti di ristorazione sostenibili, qui siamo ancora agli albori della “filiera corta”.

Forse perché pensiamo davvero che il cocomero australiano e la zucchina canadese siano più saporiti?